2.7.1 Modalità accordo

La modalità accordo serve a inserire accordi usando un indicatore della struttura dell’accordo invece delle altezze dell’accordo.


Panoramica sulla modalità accordo

Gli accordi possono essere inseriti come musica simultanea, come è spiegato in Note in un accordo.

Possono essere inseriti anche in “modalità accordo”, ovvero una modalità di input che utilizza le strutture degli accordi nella tradizione musicale europea invece di altezze specifiche. Ciò è più comodo per chi è abituato a utilizzare i nomi degli accordi per descriverli. Maggiori informazioni sulle diverse modalità di input si trovano in Modalità di inserimento.

\chordmode { c1 g a g c }

[image of music]

Gli accordi inseriti in modalità accordo sono elementi musicali e possono quindi essere trasposti proprio come gli accordi inseriti come musica simultanea. \chordmode funziona in modalità assoluta, perché \relative non ha effetto sui blocchi \chordmode. Tuttavia in modalità accordo le altezze assolute sono un’ottava più alta che in modalità nota.

Nella musica sequenziale è possibile mischiare la modalità accordo con la modalità nota:

\relative {
  <c' e g>2 <g b d>
  \chordmode { c2 f }
  <c e g>2 <g' b d>
  \chordmode { f2 g }
}

[image of music]

Vedi anche

Glossario musicale: accordo.

Guida alla notazione: Note in un accordo, Modalità di inserimento.

Frammenti: Chords.

Problemi noti e avvertimenti

Le scorciatoie predefinite per le articolazioni e gli ornamenti non possono essere usate sulle note in modalità accordo, vedi Articolazioni e abbellimenti.


Accordi comuni

Le triadi maggiori si inseriscono scrivendo la nota fondamentale seguita da una durata opzionale:

\chordmode { c2 f4 g }

[image of music]

Le triadi minori, aumentate e diminuite si inseriscono aggiungendo : e un modificatore della qualità subito dopo la durata:

\chordmode { c2:m f4:aug g:dim }

[image of music]

Si possono creare accordi di settima:

\chordmode { c1:7 c:m7 c:maj7 c:dim7 c:aug7 }

[image of music]

La tabella seguente mostra le azioni dei modificatori della qualità su triadi e accordi di settima. Il settimo grado predefinito aggiunto agli accordi è una settima minore, che rende la settima dominante l’accordo di settima fondamentale. Tutte le alterazioni sono relative alla settima dominante. Una tabella più completa dell’uso dei modificatori si trova in Modificatori degli accordi comuni.

ModificatoreAzioneEsempio
NessunoL’azione predefinita; produce una triade maggiore.

[image of music]

m, m7L’accordo minore. Questo modificatore abbassa il 3° grado.

[image of music]

dim, dim7L’accordo diminuito. Questo modificatore abbassa il 3°, il 5° e (se presente) il 7° grado.

[image of music]

augL’accordo aumentato. Questo modificatore alza il 5° grado.

[image of music]

maj, maj7L’accordo di settima maggiore. Questo modificatore aggiunge un 7° grado alzato. Il 7 che segue maj è opzionale. Non usare questo modificatore per creare una triade maggiore.

[image of music]

Vedi anche

Guida alla notazione: Modificatori degli accordi comuni, Accordi estesi e alterati.

Frammenti: Chords.

Problemi noti e avvertimenti

Si può usare un solo modificatore della qualità per accordo, solitamente sul grado più alto presente nell’accordo. Gli accordi con più di un modificatore verranno analizzati senza produrre errori o avvisi, ma producono risultati imprevedibili. Gli accordi che non si possono ottenere con un singolo modificatore devono essere alterati per altezze individuali, come è spiegato in Accordi estesi e alterati.


Accordi estesi e alterati

In modalità accordo è possibile creare strutture di accordi di arbitraria complessità. Il modificatore permette di estendere un accordo, aggiungere o rimuovere i gradi di un accordo, alzare o abbassare i gradi, aggiungere una nota di basso o creare un’inversione. Il primo numero che segue il : identifica l’estensione dell’accordo. L’accordo viene costruito aggiungendo in modo sequenziale delle terze alla nota fondamentale finché non si raggiunge il numero specificato. Il settimo grado aggiunto come parte di un accordo esteso sarà la settima minore, non la settima maggiore. Se l’estensione non è una terza (per esempio, 6), vengono aggiunte le terze fino alla terza più alta entro l’estensione, e poi viene aggiunto il grado dell’estensione. Il valore più grande possibile è 13. Qualsiasi valore superiore viene interpretato come 13.

\chordmode {
  c1:2 c:3 c:4 c:5
  c1:6 c:7 c:8 c:9
  c1:10 c:11 c:12 c:13
  c1:14
}

[image of music]

C’è un’eccezione speciale: c:5 produce un “power chord” che consiste solo della nota fondamentale e della quinta.

Dato che un 11° grado non alterato non suona bene se unito a un 13° grado non alterato, l’11° grado viene rimosso da un accordo :13, a meno che non venga aggiunto esplicitamente.

\chordmode {
  c1:13 c:13.11 c:m13
}

[image of music]

Si possono aggiungere gradi individuali a un accordo. Le aggiunte seguono l’estensione e sono precedute da un punto (.). Il settimo grado aggiunto a un accordo è una settima minore invece di una settima maggiore.

\chordmode {
  c1:3.5.6 c:3.7.8 c:3.6.13
}

[image of music]

I gradi aggiunti possono essere alti quanto si vuole.

\chordmode {
  c4:3.5.15 c:3.5.20 c:3.5.25 c:3.5.30
}

[image of music]

I gradi aggiunti dell’accordo possono essere alterati aggiungendo un suffisso - o + al numero. Per alterare un grado aggiunto automaticamente in quanto parte della struttura base dell’accordo, aggiungerlo come grado alterato.

\chordmode {
  c1:7+ c:5+.3- c:3-.5-.7-
}

[image of music]

Dopo i gradi da aggiungere, una serie di gradi da togliere viene introdotta dal modificatore con prefisso ^. Per togliere più di un grado, i gradi da rimuovere vengono separati dal . subito dopo il ^ iniziale.

\chordmode {
  c1^3 c:7^5 c:9^3 c:9^3.5 c:13.11^3.7
}

[image of music]

Per creare accordi sospesi si aggiunge alla stringa il modificatore sus, che toglie il terzo grado dall’accordo. Aggiungere 2 o 4 per aggiungere il 2° o il 4° grado dell’accordo. Se sus è seguito dal 2° o dal 4° grado, è equivalente a ^3, altrimenti a sus4, ovvero 5.4.

\chordmode {
  c1:sus c:sus2 c:sus4 c:5.4
}

[image of music]

Le inversioni (ovvero l’inserimento di un’altezza diversa dalla fondamentale come nota più bassa dell’accordo) e le note di basso possono essere specificate aggiungendo /altezza all’accordo.

\chordmode {
  c'1 c'/e c'/f
}

[image of music]

Una nota di basso che fa parte dell’accordo può essere aggiunta, invece di essere spostata come in un’inversione, usando /+altezza.

\chordmode {
  c'1 c'/g c'/+e
}

[image of music]

I modificatori degli accordi che possono essere usati per produrre i vari accordi standard sono elencati in Modificatori degli accordi comuni.

Vedi anche

Guida alla notazione: Modificatori degli accordi comuni.

Frammenti: Chords.

Problemi noti e avvertimenti

Ogni grado può essere presente in un accordo una volta sola. L’esempio seguente produce un accordo aumentato, perché 5+ viene interpretato per ultimo.

\chordmode { c1:3.5.5-.5+ }

[image of music]


LilyPond — Guida alla Notazione v2.22.1 (ramo stabile).